Benvenuto!

Mascherenere nasce nel 1990 dall'incontro di alcuni artisti africani ed italiani, con lo scopo principale di diffondere le culture dell'Africa Nera in Italia tramite un'operazione di sintesi/ricerca tra i paesi portatori di culture "altre" ed il patrimonio artistico del paese ospitante. Nei primi anni '90, Mascherenere si fa portatrice di quello che chiamiamo "italofonia": panorama artistico in cui scrittori, poeti, attori, drammaturghi extraeuropei si esprimono attraverso la lingua italiana. Lo spunto teatrale di Mascherenere parte così da alcune ricerche condotte nei paesi dell'Africa Centrale e dell'Africa occidentale sulle forme di rappresentatività primordiali delle società precoloniali africane. Al contatto con i linguaggi teatrali occidentali si è prodotta una "contaminazione" di modelli espressivi il cui risultato è stato un arricchimento reciproco. Il senso forte di appartenenza ad una terra e insieme l'accettazione di un perpetuo migrare portando con sé l'essenza del luogo che si abbandona, rivelano sacche nascoste di umanità. L'affiancare i linguaggi culturali e teatrali di diverse etnie, africane ed occidentali, messe sullo stesso piano, produce la contaminazione necessaria ad un teatro in continua mutazione. Mascherenere gestisce anche la prima (e finora unica) scuola di teatro transculturale in Italia. Per giovani e meno giovani, per bambini e ragazzi. Anche questo è migrare; all'interno del proprio paese, tra una cultura e l'altra. I progetti e le attività di Mascherenere nell'ambito culturale ed interculturale e si rivolgono al pubblico di tutte le età, con un occhio di riguardo ai piccoli, adolescenti e giovani.

Teatro, eventi dedicati alla lettura, al racconto delle fiabe, alla danza, alla musica
Concerti e animazioni musicali
Stage e seminari teatrali, di danza e di espressione corporea finalizzata al linguaggio teatrale

Ambito formativo
Corsi di formazione e di educazione alla creatività per docenti di scuole di nidi e di scuole dell’infanzia

Realizzazioni >2012

Realizzazioni

contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.